·   le Unità Pastorali e l'Assemblea   ·

Il Vescovo Roberto, allo scopo di favorire la partecipazione e il coinvolgimento delle comunità cristiane della diocesi, ha stabilito che l'Assemblea Sinodale sia prevalentemente composta di membri in rappresentanza delle Unità Pastorali.

Per ogni Unità Pastorale sono stati chiamati:

  1. il presbitero moderatore o coordinatore dell'Unità Pastorale

  2. un laico che abbia sensibilità nella preghiera e nell'animazione della liturgia

  3. un laico che abbia sensibilità nella formazione, educazione, animazione, catechesi e nell'annuncio cristiano

  4. un laico che abbia sensibilità verso il contesto sociale in cui è inserita la comunità, l'attenzione ai poveri, la cura dei legami di prossimità e vicinanza umana

  5. un laico che abbia sensibilità verso l'amministrazione dei beni della comunità

  6. un laico che abbia sensibilità verso il collegamento e la comunione nella e tra le comunità dell'Unità Pastorale

Almeno uno dei laici scelti tra questi profili è di d'età compresa tra 20 e 35 anni.

 

Con questa scelta i 2/3 dei componenti dell'Assemblea sinodale intervengono in rappresentanza delle Unità Pastorali.

La scelta dei profili e quella di costituire l'Assemblea del Sinodo a partire dalle Unità Pastorali, intende aiutare queste ultime a sperimentarsi effettivamente, favorendo la realizzazione di forme di collaborazione e di comunione tra le comunità cristiane della stessa Unità.

La presenza dei giovani viene garantita attraverso il criterio di età, affinché vi sia un effettivo ringiovanimento dei nostri contesti ecclesiali. Si tratta di un'indicazione di una soglia minima che le Unità Pastorali possono elevare indicando tra i loro rappresentanti anche altre persone in quella fascia di età.